A Roma il 31 maggio il MISE organizza un seminario sullo smart building


iscom_smallIl seminario Smart Building: una sfida ed un’opportunità da affrontare in sinergia tra novità legislative e norme tecniche, promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico, in programma a Roma il 31 maggio prossimo nella sede di ISCOM* in Viale America, 201, dalle 9,30 alle 13,30, può essere considerata idealmente come un’appendice dello Smart Building Roadshow.

Eloquente il suo titolo ed altrettanto eloquente la nota di presentazione. Eccola, nella sua integrità: «Essendo oramai evidente che parlare di edificio in rete è riduttivo, il seminario intende illustrare il contesto normativo europeo e italiano che fa da cornice al progressivo affermarsi di un nuovo modello di sviluppo immobiliare, in cui architettura, infrastrutture energetiche e digitali e dimensione sociale si integrano, dando un quadro completo di come sia stata rivoluzionata l’impiantistica degli edifici e di quali siano le opportunità ed i rischi nel comparto smart building/smart home. In particolare verranno illustrate le novità legislative e le norme tecniche del settore con riferimento alla funzione degli spazi installativi nella realizzazione degli impianti di comunicazione elettronica da un lato e dall’altro con uno sguardo al modello urbano delle smart city. Inoltre, saranno illustrate le nuove tecnologie di comunicazione ottiche wireless (VLC e FSO) con riferimento al loro utilizzo ed integrazione a livello urbanistico».

Relatori del seminario sono Donatella Proto del MISE, Claudio Pavan del CEI e della Confartigianato, Luca Baldin di Smart Building Italia, L. Salamandra, G. Susanna.

Il seminario rilascia 4 Crediti Formativi Professionali (CFP) riconosciuti dal CNI (Consiglio Nazionale degli Ingegneri).

Per iscriversi, inviare una mail all’indirizzo seminari.istitutosuperiorecti@mise.gov.it

*L’Istituto Superiore delle Comunicazioni e delle Tecnologie dell’Informazione (ISCOM) opera nell’ambito del Ministero dello Sviluppo Economico occupandosi di ambiti tecnico-scientifici. L’attività, rivolta specificamente verso le aziende operanti nel settore ICT, le Amministrazioni pubbliche e l’utenza, riguarda fondamentalmente i servizi alle imprese, la normazione, la sperimentazione e la ricerca di base e applicata, la formazione e l’istruzione specializzata nel campo delle telecomunicazioni. Il ruolo di organismo tecnico-scientifico assieme alla garanzia di indipendenza da parti terze, porta l’Istituto ad essere riferimento per favorire lo sviluppo delle telecomunicazioni semplificando l’immissione sul mercato di nuovi prodotti e l’applicazione di tecnologie innovative.