Efficientamento energetico: piccoli comuni sotto la lente d’ingrandimento


Un importo complessivo pari a 160 milioni di euro è stato disposto per l’attribuzione ai comuni con popolazione inferiore a 1.000 abitanti di contributi per investimenti volti alla messa in sicurezza di scuole, strade, edifici pubblici e patrimonio comunale e all’abbattimento delle barriere architettoniche, nonché per gli interventi di efficientamento energetico e sviluppo territoriale sostenibile. Il contributo è stato attribuito a 1968 comuni italiani e gli Enti beneficiari saranno tenuti a dare il via ai lavori entro metà maggio, pena la decadenza o revoca del contributo come nel caso di mancato rispetto del termine che sarà verificato con il monitoraggio delle opere pubbliche della banca dati delle pubbliche amministrazioni.