La consultazione pubblica firmata ENEA sull’efficienza energetica


ENEA raccoglierà i suggerimenti e metterà a punto un testo da sottoporre, poi, al MiTE per approvazione

Aperta fino al 27 agosto, la consultazione pubblica online targata ENEA sul tema del Piano di Formazione e Informazione sull’efficienza energetica (come previsto dall’articolo 12 comma1 del Decreto Legislativo 2020, n°73), è aperta ad ogni soggetto interessato.
In particolare, il Piano sull’efficienza energetica (PIF 2.0 2021-2023) – su scala appunto triennale – è stato messo a punto dall’ENEA in collaborazione con il GSE: dopo aver raccolto i suggerimenti degli stakeholder rilevati proprio tramite la consultazione online, questi saranno trasformati in un testo che verrà successivamente e ufficialmente consegnato al MiTE per approvazione.
Testo e questionario della consultazione pubblica nascono per dare la facoltà di fornire indicazioni e suggerimenti sulle eventuali modifiche da apportare e sono liberamente disponibili online.

ENEA: gli obiettivi della consultazione online

L’iniziativa nasce come prioritariamente rivolta agli stakeholder e agli operatori interessati che sono inoltre caldamente invitati a leggere la bozza di testo nella quale è riepilogato lo scenario dei prossimi tre anni in tema di efficientamento energetico in primis per ciò che concerne gli edifici residenziali.
Le parti interessate vengono dunque invitate a scaricare e leggere con attenzione il documento e procedere con la compilazione del questionario di consultazione. Il questionario è diviso in tre sezioni che contengono quesiti a risposta chiusa, più un quesito a risposta aperta dove inserire i propri suggerimenti e commenti.
Dalla premessa dell’iniziativa si legge:

Il rinnovato e più esteso impegno del Governo e in particolare del Ministero dello Sviluppo Economico, con l’art.12 del Decreto Legislativo 14 luglio 2020 n. 73, per rafforzare gli strumenti di informazione e formazione sui temi dell’efficienza energetica, è da inscrivere nello sforzo di rendere edotta la popolazione italiana sulle sfide legate alla tenuta di un equilibrio ambientale del Pianeta, che non sia infausto per la vita dei suoi abitanti e non ne minacci gli standard di vita raggiunti.