Loqed, soluzioni di sicurezza con la passione italiana


Una giovane realtà con alle spalle un bagaglio di esperienza pluridecennale nel campo dell’antintrusione. Un grande know how che consente a Loqed di realizzare prodotti per la sicurezza, affidabili ed intuitivi per l’installatore come per l’utente. Ora Loqed si confronta con il mercato, partecipando a Smart Building Levante.

La giovane Loqed pensa, nel suo fresco presente, già al futuro affinché la casa smart non sia solo un’idea astratta. Il reparto di ricerca e sviluppo studia continuamente per innovare i prodotti e proporre soluzioni hi-tech, al passo coi tempi. Inoltre, Loqed offre una produzione completamente e realmente made in Italy, etichetta che non rappresenta solo qualità, ma anche la passione e l’entusiasmo di pensare e produrre le cose.

Dalle idee alla realizzazione, tutte le fasi sono curate in Italia. Questo significa prodotti affidabili e controllo completo di tutte le parti, dall’hardware al software: ogni prodotto viene collaudato in sede per garantire la massima qualità. Tenuto conto, inoltre, che vendere il prodotto non è l’atto finale di Loqed: così l’installatore come il cliente vogliono essere guidati e supportati successivamente alla vendita, soprattutto se stanno utilizzando un nuovo prodotto per la prima volta.

Insomma, per Loqed il supporto post-vendita è fondamentale: mission dell’azienda è mettersi sempre a disposizione di chi ha scelto i suoi prodotti. Aggiungiamo inoltre che lo sviluppo di ogni innovazione nasce dalle richieste degli installatori nella consapevolezza che chi sceglie Loqed affida le cose più importanti della vita, la sicurezza, quella degli affetti, per questo è necessario fare di tutto per soddisfare le aspettative, con l’esperienza e la passione.

Con la prima serie di centrali DIANA Loqed si è fatta conoscere. Un primo, piccolo passo. Il secondo è dietro l’angolo e si chiamerà VESTA. Sempre più semplice. Sempre più completa. Da scoprire a Bari il 22 e 23 novembre prossimo.

Condividi questo contenuto
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInPrint this page