Bonus barriere architettoniche, fino al 75% di sgravio per eliminarle dagli edifici


Una detrazione delle spese fino a 50.000 euro per edifici unifamiliari, estendibile anche dell’automazione degli impianti

È il bonus in vigore dal 1° gennaio 2022 per interventi finalizzati al superamento e all’eliminazione di barriere architettoniche.

La detrazione Irpef e Ires si applica a spese sostenute dal 1° gennaio 2022 al 31 dicembre 2022, per la realizzazione di interventi finalizzati all’eliminazione di barriere architettoniche in edifici già esistenti. La detrazione interessa il 75% delle spese sostenute e viene calcolata su un ammontare complessivo non superiore a 50.000 euro per gli edifici unifamiliari o unità immobiliari all’interno di edifici plurifamiliari ma indipendenti; non superiore a 40.000 euro per ciascuna unità immobiliare per edifici da 2 a 8 unità, e non superiore a 30.000 euro per unità in edifici composti da oltre 8 unità immobiliari.
Il bonus spetta anche per interventi di automazione di impianti, funzionali ad abbattere le barriere architettoniche, e per le spese di smaltimento e bonifica dei materiali e dell’impianto sostituito.
Il bonus è fruibile come detrazione in 5 rate annuali, sconto in fattura o cessione del credito.