Il digitale? La vera opportunità di oggi

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInPrint this pageEmail this to someone

Castanini (Liguria Digitale) parla di smart working tra PA, scuole e privati: “L’occasione da cogliere di questi tempi. Ma serve il supporto e la cooperazione degli attori per giocare la partita del digitale”.

Enrico Castanini, Direttore Generale di Liguria Digitale, società che sviluppa la strategia digitale della Regione e degli enti soci per cittadini, imprese, turisti PA ligure, ha le idee chiare su come la digitalizzazione debba essere la via per il futuro del territorio italiano a 360°.

“Durante il lockdown, il Paese ha avuto una grande opportunità, tra centinaia di mali che ne sono derivati. Questa occasione consiste nella digitalizzazione a tutto tondo: se prima infatti era così difficile trovare scuole nelle quali il personale era anche minimamente abituato o formato alla didattica online, in quel periodo si è fatta di necessità virtù. Certo, non è stato semplice, e ancora la strada da percorrere è lunga e non priva di ostacoli. Ma si è smosso qualcosa. E oggi è bene impegnarsi a non tornare indietro”.

L’Ing. Castanini fa riferimento, in particolare, al lavoro svolto da Liguria Digitale nell’ottica di supporto e sostegno al mondo dello smart working e della didattica da remoto in aiuto di uffici, enti, aziende, cittadini, istituti scolastici e Pubbliche Amministrazioni.

“Su mille persone, ad esempio in un Comune, fino a qualche mese fa solo 20 erano abituate a lavorare in modalità smart, mentre ora abbiamo raggiunto la totalità. Non è stato semplice, ovviamente, perché molti impiegati hanno avuto bisogno non solo di una formazione generale ma anche di sostegno dal punto di vista tecnologico: spesso, inoltre, non avevano a disposizione i mezzi tecnologici stessi per poter lavorare fuori dall’ufficio. E proprio qui abbiamo lavorato”.

Liguria Digitale, infatti, ha supportato la Regione, il Comune, Arpal, Asl3 “e altri enti che non avevano mai fatto uso dello smart working per aiutare migliaia di lavoratori della pubblica amministrazione a proseguire i propri incarichi da casa, garantendo attività fondamentali per i cittadini. Inoltre, grazie al progetto Scuola Digitale Liguria, abbiamo dato sostegno tecnico necessario ai docenti delle scuole e ai formatori degli Iefp liguri per fare lezioni a distanza. Il tutto pubblicando vademecum, tutorial, raccolte di risorse e garantiamo il supporto del digital team”.

L’azienda realizza progetti innovativi e tecnologicamente all’avanguardia per fornire servizi digitali e informazioni facilmente accessibili, e lavora per rafforzare le infrastrutture digitali ed estendere la banda larga e il wi-fi su tutto il territorio, assicurando sicurezza informatica e continuità operativa di sistema.

Durante il lockdown, parlando di numeri, Liguria Digitale ha gestito ad esempio il fronte della sanità digitale tra sportelli, farmacie e studi medici e un call center dedicato che nel 2019 aveva contato oltre 2 milioni di telefonate: “Numeri importanti, e la fatica principale riguardava l’aspetto empatico nell’affrontare persone spesso fragili e spaventate”.

“Siamo lo strumento operativo del SIIR, il Sistema Informativo Regionale Integrato, che consente di operare organicamente sul territorio, con qualità e riduzione dei costi, attraverso un uso condiviso delle tecnologie più avanzate, la razionalizzazione nell’acquisizione delle risorse e il contenimento della spesa pubblica. Svolgiamo funzioni di centrale di committenza, secondo la normativa nazionale e regionale vigente, operiamo senza scopo di lucro e realizziamo soluzioni informatiche di qualità e servizi di interesse generale, per la collettività e la pubblica amministrazione ligure”.

Ma non solo: “La tecnologia, da sola e in questo senso, è essenziale, ma serve anche l’uomo. Il suo ruolo? Fare da tutor, sostenere, chiaramente quando formato per farlo, altre figure in chiave tecnologica, con la missione della digitalizzazione come punto fermo nel futuro del lavoro in generale”.

Perché se la smart city del futuro dovrà cooperare con e per l’uomo, questo deve mantenere un ruolo prioritario, per far funzionare al meglio ogni tipologia di tecnologia al suo servizio.