Imperia Smart City Lab: parla Luca Baldin, Project Manager Smart Building

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInPrint this pageEmail this to someone

Imperia Smart City Lab: come nasce il progetto?

Il progetto ha preso corpo dopo la Milano Smart City Conference del 2019, con cui abbiamo scandagliato il meglio che si sta facendo in Italia nel campo delle città intelligenti. Con Giorgio Abbo abbiamo pensato che la cosa potesse avere degli sviluppi in un territorio molto diverso, ma interessante come quello di Imperia in particolare e della Liguria più in generale.

Cosa vi ha fatto pensare che la Liguria potesse essere il territorio dove sviluppare questi temi?

La semplice considerazione delle peculiarità di un territorio tanto affascinante quanto fragile, come dimostrano i troppo numerosi eventi estremi o catastrofici che l’hanno colpito. Parlare di territorio smart è un modo diverso di coniugare il tema della smart city. Alla base sta sempre l’intelligenza che vorremmo dare alla gestione ordinaria e soprattutto predittiva. Prevenire prima di dover rimediare.

Ad esempio?

Ad esempio, il monitoraggio delle grandi infrastrutture, che l’esposizione ai venti carichi di salsedine rende fragili in Liguria; la gestione del traffico in una regione che ha i monti che si tuffano in mare; la sanità a distanza in un territorio in gran parte montuoso in cui i collegamenti sono complessi. Ma sono solo esempi. Connettività, digitalizzazione e intelligenza artificiale sono strumenti che non avevamo e che ora abbiamo e che possono risolvere molti problemi.

Perché il suffisso “Lab”

Perché vorremmo seminare per un raccolto durevole. Non è più tempo di eventi one shot, è indispensabile dare continuità ai progetti. Quindi l’obiettivo è quello di iniziare un percorso. Con gli amici del Cluster Smart Communities Tech di Torino, che collaborano al progetto, abbiamo pensato di proporre un format replicabile in altre regioni, ma soprattutto di far sorgere delle attività di tutoring a sostegno di quelle realtà, soprattutto medio piccole, che più faticano ad agganciare le nuove opportunità offerte dai processi di digitalizzazione dei servizi.