“Drone Conference” a Roma, sul futuro (danaroso) dei voli senza pilota

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInPrint this pageEmail this to someone

Terza edizione della Roma Drone Conference, grande evento italiano dedicato alla tecnologia, alle normative e al mercato dei droni, mezzi volanti senza pilota dalle innegabili potenzialità di sviluppo. La terza Roma Drone Conference si svolgerà lunedì 18 marzo 2019 all’auditorium del Centre Saint-Louis di largo Giuseppe Toniolo 22, a Roma.

Il programma affronterà due temi-chiave per lo sviluppo futuro di questo settore: la nuova normativa UE e le attuali difficoltà del mercato dei droni in Italia. Nella mattinata, si svolgerà un approfondito seminario sul nuovo regolamento europeo sui SAPR, acronimo che sta per “sistema aeromobile a pilotaggio remoto”. Il workshop sarà tenuto dai massimi esperti di EASA e ENAC, enti di riferimento per il volo aereo in Europa e in Italia; questi stessi esperti potranno anche rispondere agli interrogativi degli operatori presenti.

Nel pomeriggio, è invece prevista una tavola rotonda sulle difficoltà e sulle prospettive del mercato dei droni in Italia, con la partecipazione dei rappresentanti delle maggiori associazioni di settore e delle imprese specializzate. Il format si rivolge ad aziende e operatori della “Drone Community” italiana, ma anche a tutti quei professionisti che sono interessati all’utilizzo dei droni nelle loro attività. Roma Drone Conference 2019, ideata dal giornalista Luciano Castro, è promossa dall’associazione culturale Ifimedia e organizzata dalla società Mediarkè. Negli ultimi anni, Ifimedia e Mediarkè hanno collaborato all’organizzazione dei maggiori eventi in Italia dedicati ai sistemi a pilotaggio remoto. In particolare, a partire dal 2014 hanno organizzato tre edizioni del Roma Drone Expo&Show, il grande salone aeronautico nazionale sui droni, svoltosi nello storico aeroporto di Roma Urbe.

Un report della banca d’affari americana Goldman Sachs prevede che la spesa totale per i droni in tutto il mondo supererà i 100 miliardi di dollari entro il 2020. “Come Internet e il GPS prima di loro, i droni stanno evolvendosi oltre la loro origine militare per diventare potenti strumenti di business. – dichiara Goldman Sachs. – Hanno già fatto il salto nel mercato dei consumatori, e ora vengono messi al lavoro in applicazioni commerciali e civili, dalla lotta agli incendi all’agricoltura. Questa è un’opportunità di mercato troppo grande per essere ignorata”. 

Nelle previsioni di Goldman Sachs, il settore della Difesa rimane preponderante nell’utilizzo futuro di droni, ma è incalzato da edilizia e agricoltura. E’ facile immaginare il perché. Nell’edilizia i droni possono portare enormi vantaggi in termini di velocità, efficacia, sicurezza, risparmio in una serie di attività operative come l’ispezione, la manutenzione, il rilievo e la mappatura. Similmente in agricoltura: l’industria primaria si sta evolvendo moltissimo negli ultimi anni e si va trasformando in agricoltura di precisione, una parte della quale è stata tradizionalmente effettuata utilizzando immagini satellitari, oppure ricavate da sensori portatili o montati sul trattore. Il nuovo strumento saranno i droni.