Divario di genere digitale: quale futuro per l’ICT?

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInPrint this pageEmail this to someone

Convegno sulla situazione del settore digitale che vede un netto disequilibrio di genere tra studi e carriere

In programma per giovedì 30 gennaio (ore 15.30) presso la Milano Luiss Hub, l’evento “Superare il divario di genere per crescere ed innovare” punta a riflettere sulla parità tra donne e uomini, valore fondamentale dell’UE, come sancito dai trattati europei.
Sul piano nazionale ed europeo, le statistiche però vedono il settore ICT tra i peggiori in termini di equilibrio di genere. Sono infatti ancora poche le donne che trovano lavoro nel campo del digitale con un titolo di studio informatico, e poche le studentesse che seguono questa tipologia di corsi di laurea.

Come superare il divario di genere nel digitale?

Anitec-Assinform organizza dunque una tavola rotonda dedicata alle Donne dell’ICT, per sensibilizzare scuole, famiglie, giovani, istituzioni ed imprese sulla necessità di un numero maggiore di esperte dell’informatica e per promuovere misure concrete volte ad attirare le ragazze ad intraprendere questa tipologia di percorso formativo, colmando così il gap di genere.
Al centro dell’iniziativa donne e ragazze, ma anche giovani con esperienze personali e riflessioni sul futuro e sui percorsi possibili per costruirlo.
A moderare sarà Barbara Carfagna, mentre apriranno l’evento gli interventi di Maria Rita Fiasco – Vice Presidente e Coordinatrice Gdl “Skills per la crescita d’Impresa” Anitec-Assinform, e Maria Rita Fortunata – Direttore Personale e Organizzazione Eustema.
Primo panel sul divario di genere del lavoro 4.0 e sulla rivoluzione digitale femminile. A seguire focus sulle trasformazioni di mestieri e carriere in collaborazione con speaker di rilievo di aziende quali IBM Italia, Olivetti, TIM e BPO.
Secondo approfondimento sul percorso possibile per arrivare all’obiettivo digitale, e in chiusura discussione sulle sfide di oggi e domani nel digitale 2030.

Per informazioni: www.donneinict.it