Agire per il Clima: appuntamento a Bari

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInPrint this pageEmail this to someone

Primo Forum sullo sviluppo sostenibile a livello ambientale, economico e sociale. Target: Agenda 2030 Nazioni Unite

Grande attesa per il primo Forum sul tema dello sviluppo sostenibile in programma alla Fiera del Levante di Bari (Padiglione 152) giovedì 23 gennaio (dalle ore 9.30 alle 14.00).
Agire per il Clima, questo il titolo dell’evento, approfondirà il tema dell’attuale profonda crisi climatica globale e dell’importanza dell’attenzione da parte del mondo dei decisori politici e amministrativi, ma anche di media e opinione pubblica.
I giovani dei Fridays For Future, gli adulti del Movimento Extinction Rebellion e la società civile stanno implementando processi partecipativi globali senza precedenti: in questa direzione, la Regione Puglia da anni si impegna a livello internazionale nelle strategie di contrasto, mitigazione e di prevenzione degli effetti prodotti dai cambiamenti climatici. Seconda Regione Italiana ad aver approvato una mozione sullo stato di emergenza climatica, ha prefissato obiettivi da realizzare nel breve e nel medio periodo in sintonia con questi movimenti.
Inoltre, il Consiglio Regionale ha approvato all’unanimità la Dichiarazione di Emergenza climatica, mozione presentata dai movimenti Fridays for Future che prende spunto dal rapporto 2018 della Commissione intergovernativa di esperti sui cambiamenti climatici e secondo cui l’umanità ha tempo fino al 2030 per limitare l’incremento di temperatura di 1,5 gradi evitando danni irreversibili al clima.
Particolarmente interessanti, in tal senso, sono gli interventi attivati in ambito decarbonizzazione e tutela e salvaguardia di ambiente e persone, anche attraverso piani di transizione ecologica regionali secondo i principi di equità, democrazia, partecipazione e trasparenza.

Nell’Aprile 2018 il Presidente della Regione Puglia ha sottoscritto la dichiarazione di impegno dei Coordinatori territoriali regionali al fine di sostenere la visione del Patto dei Sindaci per territori decarbonizzati e capaci di adattarsi ai cambiamenti climatici, dove garantire l’accesso ad un’energia sicura, sostenibile e alla portata di tutti. È inoltre stato nominato relatore dal Comitato delle Regioni nella redazione del parere “Un pianeta pulito per tutti. Una visione strategica a lungo termine per un’economia prospera, moderna, competitiva e neutra dal punto di vista del clima” in attuazione del parere della Commissione Europea n. 773/2018 (“Un pianeta pulito per tutti”), approvato ad unanimità in Commissione Ambiente (ENVE) del Comitato delle Regioni a Bruxelles (Belgio).

Come si può, dunque, Agire per il clima?

Si parte dalla definizione di una Strategia Regionale volta a definire e promuovere un’economia sostenibile in linea con gli Obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.
Fondamentale, inoltre, è che la Regione possa essere capace di riconvertire in maniera sostenibile l’economia grazie alla cooperazione di istituzioni, imprese, stakeholder e cittadini, adottando un modello di economia circolare e bioeconomia, e dando spazio ad una nuova generazione di occupazione qualificata in ambito Green Jobs, come suggerito dall’International Labour Organization.

Parole d’ordine? Biodiversità, neutralità climatica, bioeconomia, economia circolare, consumo responsabile e decarbonizzazione: il primo incontro del Forum Regionale per lo Sviluppo Sostenibile della Puglia guarderà al Goal 13 dell’Agenda 2030 relativo ai cambiamenti climatici.
Con lo scopo, dunque, di riflettere, discutere, informare e formare attorno al tema dei cambiamenti climatici in un processo partecipativo, si svilupperanno proposte per infondere la consapevolezza di un problema urgente e caratterizzato da evidenza scientifica.
Tutti gli stakeholder che parteciperanno al Forum contribuiranno a delineare le azioni più urgenti e le politiche più lungimiranti che il Piano Strategico Regionale dovrà contenere con il target finale di una Regione sostenibile dal punto di vista ambientale, economico e sociale.