Auto elettriche, l’Europa si mobilita per batterie più efficienti

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInPrint this pageEmail this to someone

Batterie, la chiave di volta del futuro della e-mobility europea. Esiste in tal senso un appuntamento preciso, che è l’anno 2030. Secondo autorevoli fonti, come la ricerca condotta dall’agenzia inglese Wood-Mackenzie, il picco della domanda di petrolio da cui si ottiene la benzina si registrerà entro il prossimo decennio, per essere poi destinato a calare a causa della diffusione “di massa” delle auto elettriche e ibride.

Ma perché ciò avvenga, e si superi la soglia dei 30 milioni di auto elettriche circolanti in Europa nel 2030, quella prevista-auspicata da più di una ricerca, sono necessari passi avanti radicali nel settore delle batterie che alimentano le auto elettriche. L’obbiettivo è chiaro, nonché duplice: aumentare gli standard di sostenibilità delle batterie, creando nel contempo una filiera produttiva europea in grado di ridurre l’attuale dipendenza dai produttori non-europei, soprattutto asiatici. A tale scopo, ha preso forma nel 2017, su iniziativa della Commissione Europea, il tavolo di confronto EBA, European Battery Agency, finalizzato a promuovere progetti in grado di essere finanziati dai fondi europei denominati IPCEI, Important Projects of Common European Interest. L’ultimo incontro fra rappresentanti dei Paesi aderenti a EBA è avvenuto lo scorso 30 aprile a Bruxelles, dove è intervenuto per l’Italia il sottosegretario allo sviluppo economico Davide Crippa.

Di certo l’EBA guarderà con interesse a un’altra iniziativa appena avviata in ambito continentale, il progetto Battery 2030+, a cui aderiscono 17 partner, collocati in 9 Paesi europei, fra cui l’Italia, rappresentata dal Politecnico di Torino. L’obiettivo di Battery 2030+, il cui coordinamento è affidato a Kristina Edstrom, docente di chimica organica all’università svedese di Uppsala, è creare nuove generazioni di batterie affidabili, sicure ed economiche “A tale scopo – spiega la stessa Kristina Edstrom – utilizzeremo una piattaforma di accelerazione destinata alla scoperta di nuovi materiali a cui pervenire utilizzando anche le risorse dell’intelligenza artificiale”.

Un autorevole punto su questo work in progress sarà costituito da Smart Building Expo 2019, dal 13 al 15 novembre a Fiera Milano/Rho, dove la e-mobility sarà non solo al centro di molti stand espositivi, ma anche fra gli assi portanti della Smart City Conference in programma per tutti e tre i giorni della fiera.