Banda ultra-larga nelle scuole: a che punto siamo?


Continua il piano di attivazione della connettività a banda ultra-larga nelle scuole italiane: attive 726 istituti su tutto il territorio

A giugno 2021 sono incrementate in maniera importante le attività operative del Piano Scuole Connesse, grazie alla realizzazione delle operazioni in regioni quali Emilia-Romagna, Umbria, Friuli-Venezia Giulia, Valle d’Aosta e nella Provincia autonoma di Trento. In queste aree d’Italia, con le rispettive società in-house regionali si sta procedendo con l’attivazione della banda ultra-larga, mentre nelle restanti regioni Infratel Italia sta realizzando gli interventi tramite  operatori Fastweb (Piemonte, Liguria, Lazio, Sardegna, Campania, Basilicata, Calabria, Sicilia), Intred (Regione Lombardia) e TIM (nelle Regioni Toscana, Veneto, Puglia, Molise, Abruzzo, Marche).

Banda ultra-larga nelle scuole: i dati

I dati rilevati parlando chiaro: al 30 giugno erano già state attivate 467 scuole con intervento Infratel e 259 scuole con intervento delle società regionali.
Un aggiornamento dettagliato sull’andamento del Piano è inoltre disponibile a tuti direttamente sulla piattaforma http://bandaultralarga.italia.it nella quale i cittadini italiani potranno individuare, su una mappa interattiva (https://bandaultralarga.italia.it/mappa/), le scuole pianificate e il loro stato di connessione.

Banda ultra-larga nelle scuole: a che punto siamo?

Al fine di permettere maggior trasparenza offrire la possibilità di un’analisi di dettaglio, Infratel, in tandem con Fastweb, TIM e Intred aggiorna le informazioni ogni mese e il dato è reperibile e consultabile grazie alla dashboard ideata ad hocper il Piano Scuole (https://bandaultralarga.italia.it/scuole-e-voucher/dashboard-scuole/) e che consente di visualizzare lo stato di connessione di ogni istituto, permettendo anche di analizzare al dettaglio o in maniera aggregata anche il dato regionale e per tipologia di grado d’istruzione.