Dopo l’anno boom, Disney pronta a conquistare lo streaming degli italiani

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInPrint this pageEmail this to someone

Nel 2019 ha sfondato ai botteghini e in questo 2020 entrerà da protagonista nelle nostre case. Così la Disney, capace di accaparrarsi da sola il 33% dell’intero mercato americano nel corso del 2019, fa passerella sul tetto del mondo, e da più di un punto di vista. In Italia lo comprenderemo ancora meglio dal prossimo 31 marzo, giorno in cui è fissato il decollo nel nostro Paese di Disney+, piattaforma streaming tramite cui accedere, secondo quanto annunciato dalla stessa major americana, non solo ai cartoons e ai film della Disney, ma anche ai supereroi della Marvel, alle animazioni di Pixar, ai documentari di National Geographic, e alle saghe spaziali di Star Wars.

Per la promozione del proprio allettante pacchetto, Disney Plus punta su un monoprezzo, che secondo alcune previsioni, sarà per l’Italia di circa 7 euro al mese, profilandosi in tal senso molto competitivo nei confronti di Netflix, l’attuale regina fra le piattaforme streaming, anche se molti colgono più la complementarità che la concorrenza potenziale fra i due soggetti: più fiction seriale su Netflix, più animazione ed effetti speciali su Disney Plus. Non è peregrino ipotizzare che quanti potranno permetterselo si doteranno di entrambe le piattaforme per poter disporre di un menù di opzioni tramite cui accedere ai contenuti più disparati.

Quest’ultimo messaggio sta iniziando a chiarirsi a quanti, in questi giorni, ricevono sui propri device le mail promozionali inviate da Disney Plus, che solo per il primo anno di trasmissioni in Italia annuncia 25 serie originali e 10 film originali, le une e gli altri prodotti esclusivamente per gli utenti della piattaforma, oltre a 7.500 ore di serie televisive attualmente in onda. Numeri degni di nota, del tutto coerenti con quelli realizzati dalla Disney ai botteghini dello scorso anno, dove la major fondata dal creatore di Topolino ha fatto registrare, secondo la società di ricerca ComScore, incassi pari a millecento miliardi di dollari.