Garantita copertura cellulare al borgo storico di Erice grazie a fibra ottica e small-cells

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInPrint this pageEmail this to someone

Cellnex, principale operatore europeo d’infrastrutture di telecomunicazioni wireless e presente in Italia con oltre 15.000 siti, comunica di aver installato un’infrastruttura dedicata per la connessione mobile presso uno dei più famosi borghi storici d’Italia, quello del Comune di Erice, Città di Pace e per la Scienza.

L’impianto, interamente progettato e realizzato da Cellnex nell’assoluto rispetto delle caratteristiche architettoniche del centro storico, contribuisce al potenziamento della rete cellulare pubblica esistente, grazie al posizionamento di nove small cells collegate tra loro attraverso la messa in opera di un cavo in fibra ottica che corre lungo il percorso attuale della rete di distribuzione dell’energia elettrica per la Pubblica Illuminazione di proprietà comunale e di cavidotti comunali interrati.
Questo sistema garantisce e ottimizza la copertura cellulare di tutti gli operatori telefonici nazionali a cui Cellnex offre il proprio servizio: WindTre, Vodafone, Tim e Iliad. “L’impianto, fortemente voluto dall’attuale amministrazione comunale – commenta Giacomo Palumbo, Commercial Director Enterprise & Public Administration di Cellnex Italia – è nato proprio con l’intento di migliorare le condizioni di vita del borgo e dei sui abitanti. Non dimentichiamo, inoltre, che l’infrastruttura riveste un’importanza strategica per lo sviluppo di un ecosistema in grado di abilitare anche future applicazioni e servizi innovativi erogati dalla pubblica amministrazione”.

Daniela Toscano, Sindaca di Erice dichiara, infatti, che: “Un problema atavico della città era lo scarso segnale di telefonia pubblica e ricezione dati nel centro storico. Problema oggi fortunatamente risolto tempestivamente grazie all’intervento di Cellnex con cui il Comune di Erice aveva sottoscritto un accordo a giugno 2018 – e aggiunge – “Proprio in questi giorni è stata attivata l’infrastruttura volta a garantire la maggiore copertura del segnale. Ciò non solo a servizio degli abitanti dello stesso centro storico, ma anche dei turisti che, speriamo, riceveremo numerosi ed in assoluta sicurezza anche nei prossimi mesi”

“La grande sfida è quella del superamento di ogni eventuale residua situazione di digital divide territoriale con una rete di connessione sicura, efficiente e capillare a servizio dell’intero territorio” sottolinea Giacomo Palumbo – “Erice oggi è una vera e propria smart-city sotto ogni profilo, nel segno della modernità e delle sfide che riserverà il futuro”.
“In questo senso, Erice è davvero all’avanguardia – conclude la SindacaDaniela Toscano – e sta spingendo con decisione sui processi di informatizzazione. Basti pensare, ad esempio, che proprio il Palazzo Comunale è uno dei terminali del progetto regionale BUL (Banda Ultra Larga) che prevede la creazione di una rete di nuova generazione in fibra ottica in 142 Comuni della regione. Tirando le somme, direi che siamo piuttosto avanti”

Ottieni il Case History di Erice

Cellnex Telecom è il principale operatore europeo d’infrastrutture di telecomunicazioni wireless, con un portafoglio totale di 61.000 siti includendo le previsioni di implementazione sino al 2027. Cellnex svolge le sue attività in Spagna, Italia, Paesi Bassi, Francia, Svizzera, Regno Unito, Irlanda e Portogallo. Le attività di Cellnex sono strutturate in quattro grandi ambiti: servizi per infrastrutture di telecomunicazioni, reti di diffusione audiovisiva, servizi di reti di sicurezza e emergenza, e soluzioni per la gestione intelligente d’infrastrutture e servizi urbani (Smart cities e “Internet delle Cose” (IoT)).
La società è quotata sul mercato continuo della Borsa spagnola e forma parte dei selettivi IBEX35 e EuroStoxx 600. Forma, inoltre, parte degli indici di sostenibilità FTSE4GOOD, CDP (Carbon Disclosure Project), Sustainalytics e “Standard Ethics”.
Tra gli azionisti di riferimento di Cellnex vi sono Edizione, con una partecipazione del 16,452% nel capitale sociale, e anche GIC, Abu Dhabi Investment Authority, CriteriaCaixa, Blackrock, Wellington Management Group e Canada Pension Plan con partecipazioni minoritarie.