Acmei punta su Smart Building Levante: occasione di crescita


Videocitofoni anti-intrusione, contatori “multimisura” finalizzati alla gestione di carichi elettrici, inverter per la produzione energetica, soluzioni smart home con cui gestire nel modo più sostenibile la propria abitazione, sistemi domotici avanzati. Questo e altro, variando nel prezzo ma mai nella qualità d’eccellenza, è solo una minima parte del catalogo di articoli che fa di Acmei un brand leader nella distribuzione di prodotti per i professionisti del settore elettrico del sud Italia, tramite punti vendita distribuiti fra Puglia, Lucania, Calabria e Abruzzo.

La presenza (e la partnership) di Acmei concorre quindi a dare la massima credibilità commerciale a un evento come Smart Building Levante, che il 22 e 23 novembre chiama a raccolta alla Fiera di Bari quanti nel Mezzogiorno operano in ambiti quali l’installazione elettrica, la domotica, l’efficientamento energetico e gli altri settori su cui si fondano le città e gli edifici smart di un futuro già incominciato.

«Che sia iniziato in modo non solo massiccio, ma anche diffuso, è dimostrabile attraverso un’infinità di esempi», esordisce Pino Vessio, che di Acmei è marketing manager competente quanto appassionato. «Noi di Acmei lo stiamo verificando anche in un mercato nascente come l’Albania – continua Vessio – dove ovunque ci imbattiamo in un’economia viva e rampante, tesa a valorizzare tutto il potenziale turistico di questo Paese affacciato sull’Adriatico, e naturalmente collegato all’Italia tramite gli snodi portuali di Brindisi e Bari».

«Ecco, lì ha ormai attecchito una mentalità innovativa che vorremmo vedere prosperare anche in Italia, dove però si incontrano molte resistenze da parte di un settore dell’installazione elettrica per un 40% conservativo, bloccato, dove tuttora si usa troppo filo, troppo cavo, quando invece dovrebbero espandersi ovunque app e touch screen», precisa il manager di Acmei.

Un appuntamento come Smart Building Levante cade quindi come qualcosa di estremamente necessario in un contesto tale. «Una vetrina straordinaria, questa Fiera di Bari – conferma Vessio – su cui noi di Acmei abbiamo concentrato sin dal primo momento attenzioni e competenze. Se, come abbiamo ragione di credere, sarà un successo, darà conferma importante alla nostra politica aziendale, fortemente incentrata sull’avvento di quei nuovi installatori di cui questo territorio ha assoluto bisogno. Obiettivo che Acmei persegue attraverso corsi di formazione, workshop e iniziative con cui coinvolgere anche altri settori, a cominciare da quello turistico, che qui è il cuore dell’economia».

«In Puglia l’indotto del turismo ha anche un’anima conservativa, inutile negarlo – spiega Vessio – ma è altrettanto vero che non è difficile bypassarla. Una chiave è rappresentata dalla domotica, per i cui impianti e installazioni esiste un interesse diffuso, trattandosi di un qualcosa che concorre in contemporanea a due effetti: conferisce alle strutture un look aggiornato ai tempi, e nello stesso tempo è fonte di sostenibilità e risparmio. Un esempio è dato dagli impianti di illuminazione intelligenti».

Tutto ciò è augurabile e possibile a patto che gli installatori compiano per primi un salto di qualità, fa capire alla fine Vessio: «Ragione per cui continueremo a battere sulla formazione e i corsi di aggiornamento. Sono indispensabili per mettere gli installatori nelle condizioni di capire quale servizio tailor made, fatto su misura, sono in grado di offrire a un albergatore o a un operatore turistico».

Nel frattempo, l’appuntamento è a Smart Building Levante, il 22 e 23 novembre a Bari. «Occasione formidabile per conoscersi e far crescere assieme il nostro, bellissimo territorio», conclude il manager di Acmei.

Condividi questo contenuto
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInPrint this page