Bonomi (Confindustria): “Raddoppiare gli investimenti pubblici e spazio alla digitalizzazione”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInPrint this pageEmail this to someone

Il neo Presidente di Confindustria presenta il piano strategico fino al 2050: protagoniste digitalizzazione e innovazione

 Il Presidente di Confindustria Carlo Bonomi ha recentemente annunciato la presentazione del Piano Strategico 2030-2050: focus sugli investimenti in ambito innovazione e digitalizzazione.
Importante, dunque, il segnale di ripresa e potenziamento di Industria 4.0 e incentivi per il Fintech 4.0. Bonomi, in carica fino al 2024, ha annunciato dunque un progetto di ampio respiro che ha la digitalizzazione come protagonista, al pari di investimenti in innovazione e ricerca, capitale umano, sostenibilità ambientale e sociale delle produzioni, nuove forme organizzative e contrattuali, qualificazione e sostegno alle filiere dell’export.

“Dobbiamo porre al centro dell’agenda nazionale una visione di profonda e positiva discontinuità”, ha dichiarato a ilSole24Ore. “L’obiettivo è uno Stato equilibrato nelle competenze, non antagoniste tra centro e autonomie; con un fisco che sia leva di crescita, non ostacolo al suo procedere; con un welfare concentrato davvero su chi ha meno e su giovani, donne e famiglie, lavoratori a minor reddito e quelli da ri-orientare al lavoro. Dovremo chiedere alla politica di raddoppiare gli investimenti pubblici che essa ha tagliato negli anni privilegiando la spesa corrente, e che ora più che mai servono nel campo delle infrastrutture di trasporto e logistiche, nella digitalizzazione e produttività dei servizi non solo pubblici, nella ricerca e nella sanità”.

Piano Industria-Impresa 4.0 attualmente lasciato fuori dal Decreto Rilancio, ma massima disponibilità da parte di Asstel – costola dell’innovazione in casa Confindustria, come sottolineato dal Presidente Pietro Guindani:

“Il nostro Paese sta affrontando un’emergenza dalla quale si potrà uscire con la chiarezza ed energia richiamata dal Presidente Bonomi per uno sforzo corale che rilanci l’economia reale, l’unico motore in grado di sostenere l’occupazione ed i redditi. Sarà fondamentale continuare a promuovere la digitalizzazione del Paese e lo sviluppo di nuove tecnologie a partire dalle reti in fibra e 5G”.