Istat: digital divide preoccupa. Sud e studenti a rischio

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInPrint this pageEmail this to someone

Digital divide: Italia dietro a UE, situazione preoccupante per molte famiglie e piccoli comuni, soprattutto al Sud

Comuni con meno di duemila abitanti praticamente esclusi dall’ambito della connettività italiana. Anziani e persone con minori titoli di studio fanalino di coda nelle presenze online.
È questa la situazione dell’Italia digitale, secondo recenti ricerche condotte per mettere in luce le importanti difficoltà emerse dal lockdown ad oggi, in chiave di connettività, essendo questa divenuta essenziale per istruzione e lavoro da remoto.

Secondo i dati emersi, molte sono infatti le famiglie italiane ancora indietro nell’uso di Internet, e circa il 24,2% del totale, quelle totalmente “offline”. Il Rapporto annuale Istat, che con i suoi dati ha evidenziato l’importante gap italiano con il resto d’Europa, stima che nel 2019 Internet è utilizzato regolarmente dal 74% degli individui tra i 16 e i 74 anni, contro l’85% della media Ue.

Maggiori competenze digitali per il 22% in Italia contro il 33% in Europa, e sono soprattutto i nuclei familiari costituiti da soli anziani e componenti con basso titolo di studio a non utilizzare la Rete.
Grandi anche le differenze territoriali tra il Nord e il Sud del Paese: se infatti il 30% delle famiglie Internet-free si trova nel Meridione, sono soprattutto i comuni fino a 2mila abitanti ad essere maggiormente penalizzati.

Il rapporto, inoltre, ha messo in evidenza anche le difficoltà nell’uso degli strumenti digitali da parte degli studenti, : il 45,4% degli scolari tra i 6-17 anni (circa 3 milioni 100mila) ha difficoltà nella didattica a distanza per via della carenza di strumenti informatici in casa, assenti o da condividere con altri fratelli. Un divario digitale riconducibile a fattori sociali, generazionali e territoriali, “come emerge dai risultati di un modello di regressione logistica che stima la probabilità che in una famiglia ci sia almeno un componente con competenze digitali elevate”.

Nel focus del rapporto intitolato “Criticità strutturali come possibili leve della ripresa” si sottolinea l’importanza strategica delle competenze e possibilità digitali:

“In questi anni difficili il Paese ha con fatica continuato a progredire nell’istruzione, nella diffusione di modelli organizzativi più avanzati e nell’uso delle tecnologie nell’economia, nella pubblica amministrazione e nella vita quotidiana degli individui. Il periodo di confinamento domiciliare, per le attività rimaste aperte, ha imposto, su un sistema che, in confronto agli altri partner europei, parte con uno svantaggio consistente in termini di digital divide (un gap in termini di indicatori collegati all’uso di internet di circa il 10% rispetto alla media europea), lapprendimento in corsa del lavoro a distanza e di forme organizzative più focalizzate sull’essenziale. Se lo shock ha avuto l’effetto positivo di evidenziare che, col capitale umano disponibile, era già possibile avviare un necessario cambio di passo e in tempi brevi imparare a sfruttare su larga scala tecnologie disponibili, dall’altro ha nuovamente focalizzato l’attenzione sul peso che il ritardo dal Paese in investimento in conoscenza comporterà nel prossimo futuro in termini di recupero dell’economia dopo la crisi aperta dalla pandemia”.