Nuovi multiswitch con tecnologia SCD2 (dCSS) Fracarro

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInPrint this pageEmail this to someone

La gamma di soluzioni Fracarro per la distribuzione del segnale Satellitare negli impianti residenziali si arricchisce con la nuova serie di multiswitch in cascata a 5 ingressi SCD2-5..16W, dotati di standard di comunicazione digitale SCD2 (dCSS).

Questo protocollo, che rappresenta l’evoluzione dell’analogico SCR, permette di distribuire un numero notevolmente maggiore di prese utente, riducendo in maniera importante la quantità di cavi coassiali necessari per l’installazione. L’impiego della tecnologia SCD2 (dCSS) nella distribuzione dei segnali satellitari si è diffusa molto negli ultimi anni, anche grazie alla recente introduzione nel mercato dei ricevitori SKY-Q che adottano questo standard.
Ė interessante inoltre sottolineare che nella classificazione degli impianti satellitari elaborata dal CEI (variante 2 della Guida 100-7), la distribuzione monocavo dCSS è l’unica a garantire la classe più alta A PLUS, consentendo la massima apertura alle evoluzioni tecnologiche future.

Le caratteristiche della serie

I multiswitch serie SCD2-5..16W sono dotati di 4 ingressi Satellite e 1 ingresso TV passivo per distribuire SAT+TV con un solo cavo; sono disponibili nelle versioni a 2, 4, 6 e 8 uscite, che possono essere di tipo Legacy tradizionale, SCR con 4 frequenze o SCD2 (dCSS) con 12 frequenze. Grazie alla funzione autodetection è possibile passare da un tipo di Set Top Box all’altro senza effettuare alcun intervento sull’impianto. Ciascuna uscita è in grado di servire contemporaneamente fino a 4 decoder SAT SCR e il nuovo decoder SKY-Q.

I multiswitch SCD2-5..16W sono compatibili con gli LNB di tipo tradizionale HV-HV ma anche con quelli di tipo wideband con O.L. 10.410MHz per distribuire le quattro polarità di un satellite con due cavi, oppure due diverse posizioni orbitali con soli quattro cavi

Dotati di Controllo Automatico del Guadagno (CAG), in modo da garantire un adeguato segnale di uscita anche quando varia la potenza del segnale di ingresso, questi dispositivi si caratterizzano per la bassa perdita di passaggio, risultando quindi ideali nelle installazioni in cascata o per l’impiego in distribuzioni già esistenti.

 

Tecnologia Flexible Voltage Management (FVM)

Un’altra interessante caratteristica riguarda la gestione flessibile dell’alimentazione, resa possibile grazie alla funzione Flexible Voltage Management (FVM) ideata appositamente da Fracarro.

Negli impianti dCSS infatti, è bene tenere conto che il consumo di corrente sulla porta utente è molto maggiore rispetto alla tradizionale tecnologia legacy (350 mA contro 50-200 mA) e questa condizione può generare problemi di telealimentazione.

La tecnologia FVM risolve queste difficoltà, consentendo diverse modalità di controllo delle tensioni senza agire su un dip switch esterno: a seconda della tipologia di impianti i multiswitch vengono alimentati in ordine di priorità, da porta DC-IN, mantenendo inalterati i consumi sulla dorsale di edificio, da linea VL, con multiswitch e LNB alimentati interamente dalla dorsale, o solo da decoder, opzione attiva in assenza di tensione sul connettore DC-IN o su linea VL oppure quando non c’è la possibilità di portare una tensione al piano.

Per saperne di più: https://fracarro.com/it/multiswitch-scd2/