Ripartenza scuole: le difficoltà tecnologiche e digitali dei piccoli comuni

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInPrint this pageEmail this to someone

Poca connessione, fibra e banda larga come miraggi e tecnologia carente: le scuole dei piccoli comuni italiani manifestano la propria (difficile) situazione

Secondo uno studio firmato Indire, Istituto nazionale documentazione innovazione ricerca educativa, con Anci, che ha preso in considerazione i comuni con meno di 5mila abitanti, le scuole dei comuni italiani più piccoli sarebbero non sempre dotate di adeguati strumenti tecnologici e con insegnanti non formati per la didattica innovativa, tanto meno per quella online.

Il risultato è frutto dello studio condotto su un campione di 1.055 comuni, nei quali sono state selezionate una scuola primaria o secondaria di primo grado con meno di 125 e meno di 75 alunni, per un totale di 1032 plessi.
Hanno risposto 157 comuni, il 14,9%,  e 219 scuole, 21,2% del campione su diversi temi, tra la raggiungibilità degli istituti e la qualità della connessione, dalle forme di sostegno economico alla cooperazione con le imprese locali.

Ne risulta che i docenti con una formazione Ict e quindi capaci di utilizzare un computer per insegnare sono una percentuale bassa ma che probabilmente potrà essere cresciuta nel periodo del lockdown,  quindi per cause di forza maggiore data l’accelerata alla digitalizzazione su scala nazionale.
Nel dettaglio, solo tra il 40 ed il 60% del corpo docente si è detto pronto alla didattica a distanza, il 13,64% al Nord, il 12,64% al Sud e il 9,09% nelle scuole del centro ha dichiarato che oltre l’80% dei docenti era pronto all’insegnamento digitale.

E le connessioni?

Poche le realtà con fibra ottica o banda larga via wireless e difficoltà a connettersi via mobile, possibile solo nel 57,8% dei comuni dell’Italia centrale e nel 53,2% di quella meridionale, contro il 69,7% di quelli del Nord.
La scuola italiana nei piccoli comuni si affida alla linea telefonica per collegarsi: per il 62,5% degli istituti del Nord, il 66,7% di quelli del Sud e il 77,3% di quelle del centro, ma circa un terzo degli istituti dispone di una connessione wireless a banda larga.

La tecnologia

Al Nord e al Centro 2 insegnanti su 5 la definiscono buona e 2 sufficiente. Al Sud così è solo per il 21,84% degli intervistati e il 25,29% definisce la dotazione tecnologica della scuola decisamente carente.